Italiano


Paolo Colagrossi inizia a suonare la chitarra nel 2001, qualche giorno dopo il terremoto che colpisce il centro italia in quell’anno.

Si esibisce fin da subito in numerosi festival e rassegne musicali con la band La Stella Rossa Del Kinotto (Bonefro Rock, Festival della Musica di Vinchiaturo, Rockstock, Italia Wave).

Nel 2007 e 2008 partecipa al Young Jazz Puzzle for Europe un progetto che unisce giovani talenti provenienti da tutto il mondo per esibirsi a fianco di musicisti come Pierre Vaiana (Django d’or 2009) e Tuur Floorizone.

Nel 2009 si trasferisce a Roma dove ottiene una borsa di studio per seguire il corso di diploma presso il St. Louis College of Music. Successivamente viene ammesso al Conservatorio L. Refice di Frosinone dove si laurea in chitarra jazz con il massimo dei voti. Durante questi anni è insegnante di chitarra presso la scuola di musica Suaviter e collabora con musicisti locali.

Nel 2011 ottiene una borsa di mobilità Erasmus per continuare il percorso di studi presso il Lemmens Institute a Leuven (BE). In questo periodo si esibisce con il suo quartetto in vari club locali tra cui il Music Village di Bruxelles.

Nel 2012 viene ammesso al master in chitarra jazz presso il Conservatorio di Amsterdam, dove studia con J. Van Ruller, M. Van Der Grinten e M. Van Ijterson.

Nel 2013 collabora con la compositrice Johanna Groot Bluemink per l’esecuzione di brani per chitarra solo ed orchestra al Composers’s Festival di Amsterdam.

Nel 2014 entra a far parte della CVA Big Band diretta da artisti come John Clayton (contrabbassista dell’orchestra di Count Basie) e Justin Di Cioccio (Direttore del dipartimento di Jazz alla Manhattan School Of Music).

Nel 2015 si esibisce alla Amsterdamse Theater School per eseguire delle musiche per l’opera teatrale “Eer Was Eens” curate dal compositore Luca Petracca. In questi anni ha l’opportunità di approfondire il linguaggio del jazz e dell’improvvisazione prendendo lezioni private da Lee Konitz, Peter Bernstein e Lage Lund. Si esibisce anche con il Paolo Colagrossi Quintet, con cui incide il suo primo album da bandleader, “Melodie Dal Mezzogiorno”. “….The album has a strong artistic unit and a good balance between strength and stillness. …’Melodie Dal Mezzogiorno’ is a successful project.” Jazzflits.

Nel 2017 è assistente di chitarra ai seminari di Fara in Sabina ed ottiene un visto O1-B (for individuals with extraordinary ability in the arts) per poter svolgere l’attività di musicista a New York.

Advertisements